I primi documenti in volgare

Nonostante la lingua volgare fosse molto comune nel basso medioevo, sono rari i documenti in volgare perchè era raro che chi parlava il volgare sapesse scrivere.

Uno dei primi documenti in volgare (francese e tedesco) è il “Giuramento di Strasburgo”, mentre uno dei primi documenti in volgare italiano è l’”Indovinello veronese”. I primi documenti in volgare sono per lo più documenti scherzosi e quotidiani come documenti legali (vedesi Placido Capuani).

Vi sono diversi motivi perchè il volgare si affermò come lingua per i documenti molto più lentamente:

  • La chiesa voleva mantenere il latino, non solo per scopi religiosi, ma anche per mantenere la sua autorità.
  • Vi erano troppi volgani e si necessitava di una lingua franca affinchè si riuscissero a intendere tra popoli con volgare diverso.

Nel basso medioevo ci sono grandi cambiamenti economici e sociali. Uno dei principali cambiamenti è la produzione di eccedenza agricola. Questo surplus, inizia ad essere venduta. Appare così la figura del mercante il quale si sposta dalla campagna per vendere la merce. Riprende così l’urbanizzazione che da il via alla nascita dei comuni. I mercanti non erano persone molto colte e molto spesso facevano riferimento al volgare per annotare le loro vendite. E’ così che a ritmo lento si afferma il volgare e appaiono i primi documenti in volgare.

Tags: , , ,

Lascia un commento